m

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur
adipiscing elit. Etiam posuere varius
magna, ut accumsan quam pretium
vel. Duis ornare

Latest News
Follow Us
GO UP
Image Alt

Pescaria vecia

Foto di: Glauco Vicario

Pescaria vecia

Testo di Maria Teresa Corso.

Il sindaco Rinaldo Olivotto nel 1892 si vantava di aver costruito sul molo del porto “una bellissima pescheria con 8 magazzini, capaci di contenere tutto il pesce che la laguna può dare.”

Dalla sua inaugurazione la vecchia pescheria è stata il motore del paese; ha funzionato fino agli anni Novanta, quando, dopo molto tempo, ne venne costruita una nuova con archi a sesto acuto per richiamare quelli della loggia, e con funzioni più moderne e semplificate, sull’isola del Dossat, proprio di fronte al molo.

Quanti carri e carretti, e Ape e camioncini di ogni sorta hanno girato sulla piazza della pescheria, aspettando le ore 16:00, orario d’apertura della trattativa di vendita e acquisto del pesce fresco di giornata. Il pescato veniva pesato su enormi bilance di rame affidate ad una trave ancorata a due colonne.

Con i moderni mezzi di trasporto già dagli anni Sessanta il pesce veniva portato in ogni parte d’Europa – a Parigi e a Londra due volte la settimana –: ostriche, sogliole, anguelle, go e passarini, quello che il palùo da secoli regalava…

Oggi, dopo un attento restauro, la vecia pescaria è stata convertita in spazio di ritrovo per coloro che amano l’orizzonte, le acque placide che arrivano al molo, i cocai che adocchiano briciole di pane e le persone che arrivano da sempre almeno una volta al giorno in riva a vede i cocài.

Una lapide murata sulla facciata della pescheria, verso Ovest, ricorda il dott. Riccardo Fabris di Lestizza, classe 1853, che tanto si adoperò per portare a termine un grande progetto a fine Ottocento: il porto di Marano. L’Olivotto a sua volta in quegli anni inaugurava la pescheria. All’epoca ci fu un gran bel movimento…